Studi di Settore

Studi di settore addio: ultima approvazione per il 2016

Con la pubblicazione dei decreti ministeriali nella Gazzetta Ufficiale n. 303 del 29/12/2016 c'è stata l’ultima revisione degli studi di settore tramite l'approvazione di 57 studi che

  1. trovano applicazione ai fini dell’accertamento con riguardo al 2016
  2. realizzano l’ultimo aggiornamento degli studi prima della loro sostituzione con gli indicatori di compliance .

Come in passato, ai singoli decreti di approvazione sono allegate le Note tecniche e metodologiche per ciascuno studio, riportanti le modalità di calcolo relative all’analisi discriminante, con l’indicazione delle variabili risultate significative nell’analisi e le distinzioni per ogni singolo cluster di operatori individuate nell’elaborazione dello studio, dopo che, appunto, è stata effettuata una segmentazione del settore in gruppi di imprese strutturalmente omogene.

Si ricorda che per il prossimo anno, l’articolo 7-bis del Dl 193/2016 ha disposto che, a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2017, con decreto del MEF siano individuati indici sintetici di affidabilità fiscale cui sono collegati livelli di premialità per i contribuenti più affidabili, anche consistenti nell’esclusione o nella riduzione dei termini per gli accertamenti, allo scopo di promuovere l’adempimento degli obblighi tributari e il rafforzamento della collaborazione tra l’amministrazione finanziaria e i contribuenti.

Con l’introduzione del nuovo strumento di compliance è stata anche disposta la contestuale cessazione degli effetti, al fine dell’accertamento dei tributi, delle disposizioni relative agli studi di settore e ai parametri, facendo calare in tal modo il sipario su due istituti protagonisti, per oltre vent’anni, dell’ordinamento tributario nazionale.