Rubrica del lavoro

Milleproroghe: per le pensioni 2017 pagamenti ancora il 1 del mese

Il decreto Milleproroghe ha confermato per il 2017  il termine di pagamento per tutte le pensioni al 1 giorno del mese (con eccezione di gennaio , nel quale le pensioni sono pagabili oggi , per ragioni di finanza pubblica). Slitta al 2018 quindi la disposizione del  decreto legge 65/2015, che aveva previsto che gli accrediti fossero disposti il secondo giorno bancabile per la rata di gennaio 2016 e il primo giorno bancabile per le rate successive, con l'obiettivo di razionalizzare  le procedure e i tempi di pagamento delle prestazioni previdenziali corrisposte dall’Inps (comprese Inpdap ed Enpals) , i trattamenti pensionistici, gli assegni,e le indennità di accompagnamento  per gli  invalidi civili, nonché le rendite vitalizie dell’Inail . Lo scopo era anche quello  di ridurre i costi legati alle commissioni bancarie. 

Dal 2017 dunque i pagamenti avrebbero dovuto essere disposti il secondo giorno bancabile di ciascun mese. ma con il decreto Milleproroghe del 30.12.2016 ( DL 244/2016), è stato ripristinato , solo per il 2017 il pagamento al primo giorno bancabile del mese. Tale modifica è stata voluta dall’Inps al fine di ripristinare le precedenti valute di accredito. Pertanto, per l’anno corrente, i pagamenti disposti presso le Poste e presso gli istituti bancari avranno la stessa valuta,  con l'eccezione dei mesi di aprile e luglio. Infatti, in questi mesi, gli accrediti presso le Poste saranno disponibili il 1° del mese, mentre per gli altri il 3 del mese.