Rubrica del lavoro

Manovra 2019 e pensioni: il Governo ha deciso

Nel documento di programmazione della nuova  legge di bilancio 2019 il Governo  ha inserito le novità sulla riforma della Legge Fornero e sui tagli alle pensioni piu alte.  Il Quirinale ha preferito che per quest'ultima misura fosse evitato l'utilizzo del decreto fiscale per cui le proposte saranno discusse in Parlamento  nel prossimo mese di novembre, dopo che la bozza di legge di bilancio avrà avuto l'avvallo della Commissione Europea. 

Vediamo  intanto quanto descritto nel comunicato stampa del Governo emesso dopo il Consiglio dei ministri del 15 ottobre 2018.

PENSIONI D'ORO

 Su proposta del ministro del Lavoro e vicepremier, Luigi Di Maio ma con la resistenza della Lega,   alla fine si è trovato  un accordo sullo stop alla rivalutazione ovvero gli aumenti legati all'inflazione (sulla falsariga di quanto realizzato dal Governo Letta nel 2013)  degli assegni pensionistici superiori a 4500 euro netti al mese, non  su un vero  taglio, quindi   e neppure  sulla correzione del meccanismo di calcolo .  Si parla di blocco totale  sulle pensioni superiori di 5-6 volte il minimo INPS e a scalare su quelle inferiori ma non è  ancora chiaro effettivamente la soglia minima degli assegni che subiranno i tagli.

Si prevede un risparmio di risorse pari a piu di un miliardo in tre anni. Dovrebbe partire dal 1 gennaio 2019.

 PENSIONE ANTICIPATA : Quota   100 e Opzione Donna

  • Torna la pensione anticipata a 62 anni con 38 anni di contributi. L'ultima novità è l'introduzione di 4 finestre di accesso nel corso dell'anno, a partire da marzo 2019.
  • Si preannuncia la proroga fino al 2021 del meccanismo chiamato Opzione Donna  che prevede la possibilità di uscita per le donne a partire dai 58 anni (per le dipendenti e 59 per le lavoratrici autonome) con 35 anni  di contributi  e calcolo dell'assegno con il metodo contributivo.
  • Possibile anche la proroga dell'APE sociale (anticipo a 63 anni con assegno-ponte a carico dello Stato per categorie svantaggiate: disoccupati , invalidi, caregivers) .

PENSIONE DI CITTADINANZA

E' previsto l'aumento delle pensioni minime a 780 euro ( con possibile correzione per  chi possiede immobili) 

PACE CONTRIBUTIVA

Una sorta di mini "condono contributivo" consentirà di  regolarizzare i contributi dovuti e non versati  a partire dal 1996, in 5 anni, senza interessi. Questa è l'unica misura che potrebbe trovare spazio nel decreto fiscale, invece che nella legge di bilancio, probabilmente all'interno del pacchetto "Pace fiscale"  dedicato a tributi, multe ecc. che saranno condonati.