Rimborso Iva

Legge europea 2017: pubblicato il testo in Gazzetta

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 27.11.2017, è stata pubblicata la Legge 20 novembre 2017, n. 167 – Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea – Legge europea 2017.

Il testo normativo della legge europea 2017 si compone di 30 articoli che modificano o integrano disposizioni vigenti dell'ordinamento nazionale al fine di adeguarne i contenuti al diritto europeo. Il testo contiene disposizioni aventi natura eterogenea che intervengono nei seguenti settori:

  • libera circolazione delle merci, delle persone e dei servizi (articoli da 1 a 4);
  • giustizia e sicurezza (articoli 5 e 6);
  • fiscalità (articoli da 7 a 10);
  • lavoro (articolo 11);
  • tutela della salute (articoli da 12 a 15);
  • tutela dell'ambiente (articoli da 16 a 18);
  • energia e fonti rinnovabili (articoli da 19 a 21);
  • altre disposizioni (articoli da 22 a 30).

In particolare il Capo III (articoli da 7 a 10) contiene disposizioni in materia di fiscalità prevedendo modifiche alla disciplina IVA: 

  • in merito alla presentazione della domanda di restituzione dell'IVA non dovuta questa può in via ordinaria, essere presentata nel termine di due anni dal versamento della medesima imposta o dal giorno in cui si è verificato il presupposto per la restituzione, a pena di decadenza. Si consente inoltre il superamento del termine, nel caso in cui sia applicata un'imposta non dovuta ad una cessione di beni o ad una prestazione di servizi che sia stata accertata in via definitiva dall'Amministrazione finanziaria.
  • ci sia non imponibilità ai fini IVA delle cessioni di beni effettuate nei confronti delle amministrazioni pubbliche e dei soggetti della cooperazione allo sviluppo, destinati ad essere trasportati o spediti fuori dell'Unione europea in attuazione di finalità umanitarie.
  • si estenda il regime fiscale agevolato per le navi iscritte al Registro Internazionale Italiano (RII) anche a favore dei soggetti residenti e non residenti con stabile organizzazione in Italia che utilizzano navi, adibite esclusivamente a traffici commerciali, iscritte in registri di Paesi dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo.