Rubrica del lavoro

Le misure fiscali contenute nel decreto lavoro approvato definitivamente il 7 agosto

Ecco in sintesi le principali misure fiscali contenute nel decreto Lavoro DL 76/2013 (Lavoro – IVA) :
 
Rinvio dell’aumento dell’Iva dal 21% al 22% dal 1° luglio 2013 al 1° ottobre 2013. Abrogata la norma che sterilizzava l’aumento dell’IVA in caso di introduzione, entro il 30 giugno 2013, di misure di riordino della spesa sociale o di eliminazione di regimi di agevolazione con effetti sull’indebitamento netto non inferiori a 6.560 milioni di euro annui.
 
Incremento dal 99 al 100 per cento la misura dell’acconto IRPEF dovuto a decorrere dall’anno 2013; l’aumento pero’ si applicherà in sede di versamento della seconda o unica rata di acconto di imposta;
 
Incremento dal 100 al 101 per cento, per il solo periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2013, la misura dell’acconto IRES.
 
Aumento al 110 per cento, per gli anni 2013 e 2014 della misura dell’acconto delle ritenute sugli interessi maturati su conti correnti e depositi al cui versamento sono tenuti gli istituti di credito.
 
Imposta di consumo sul commercio delle sigarette elettroniche.
Viene istituita un’imposta di consumo pari al 58,5 per cento e la sottoposizione alla preventiva autorizzazione da parte dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli dell’attività di commercio. La definizione delle norme applicabili alla distribuzione e vendita dei prodotti in esame e ai relativi adempimenti amministrativi e contabili è demandata ad un decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, in analogia, per quanto applicabili, a quelle vigenti per i tabacchi lavorati. La vendita delle c.d. sigarette elettroniche è consentita alle tabaccherie.