Bollo e concessioni governative

Imposta di bollo, esenzione per i certificati di residenza se per controllo

Le certificazioni relative alla residenza acquisite direttamente da Collegi nazionali di professionisti, in qualità di enti pubblici, presso le amministrazioni comunali, per controllare la veridicità delle dichiarazioni sostitutive dei propri iscritti, non scontano l’imposta di bollo. È quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione n. 29/E del 12 marzo. Sebbene, in linea generale, i certificati di residenza scontano il bollo, in questo caso, la conclusione a cui giunge l’Agenzia deriva dall’allegato B della tabella annessa al Dpr 642/1972 che, in base all’uso che se ne fa, fornisce un elenco degli atti e dei documenti assolutamente esclusi dall’imposta.
 

Nessun articolo correlato