Enti no-profit

ETS: le norme di comportamento dell’organo di controllo dal CNDCEC

Norme di comportamento dell’organo di controllo degli enti del Terzo settore” il CNDCEC redige uno strumento applicativo utile per i professionisti.

Le norme dovrebbero divenire un utile strumento tecnico-applicativo per i commercialisti che operano come componenti dell’organo di controllo degli enti del Terzo settore ma al contempo essere un riferimento per l’analisi di molte tematiche operative e procedurali inerenti all’adozione delle disposizioni contenute nel DLgs n. 117 del 3 luglio 2017 ossia il “Codice del Terzo settore”.

Ricordiamo che:

  • tutte le associazioni che superano i limiti dimensionali previsti dalle norme
  • tutte le fondazioni che si iscriveranno nel Registro unico nazionale del Terzo settore 

sono tenute a nominare un organo di controllo, monocratico o collegiale, con la presenza di almeno un componente scelto tra le categorie di soggetti di cui all’articolo 2397 del codice civile, quali gli iscritti nella sezione A Commercialisti dell’albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.

L'intervento del CNDCEC cosi come spiegato dalla nota pubblicata sul proprio sito internet, costituisce uno strumento per pianificare e organizzare, anche per i commercialisti nominati con l’approvazione dei bilanci 2019, termine differito per l’emergenza pandemica al 31 ottobre 2020, il proprio intervento di vigilanza e, contestualmente, ambisce a spIegare a tutti gli enti interessati quale sia la funzione dell’organo di controllo e l’importante ruolo che lo stesso ricopre nell’ambito dell’organizzazione.

Le norme di comportamento riprendono, laddove ritenute compatibili ed applicabili con le finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, le indicazioni contenute nelle norme di comportamento del collegio sindacale delle società non quotate. 

Tuttavia se ne discostano in molti aspetti sia in quanto in molti ambiti esistono disposizioni specifiche per gli ETS che richiedono apposite previsioni, sia in quanto la natura e gli aspetti dimensionali e organizzativi degli enti considerati richiedono un diverso approccio comportamentale.

L'auspicio del Consiglio nazionale è quello di contribuire, tramite la garanzia fornita da controlli qualificati, alla trasparenza degli enti e contestualmente la fiducia che tutti gli stakeholder ripongono nel movimento.

Per un approfondimento sulla nomina dell'Organo di controllo si legga:

ETS: decorrenza della nomina organo di controllo