Dichiarazione, nuova scheda per la destinazione del 2 per mille ai partiti

Con il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 3 aprile 2014, è stata approvata la nuova scheda con cui le persone fisiche potranno destinare il 2‰ della propria Irpef ad uno dei partiti politici. A seguito dell’abolizione del finanziamento diretto ai partiti previsto dall’articolo 12 del D.L. n. 149/2013, infatti, i partiti di finanzieranno col contributo volontario dei loro sostenitori. Nella scheda trovano posto le formazioni ed i movimenti (11 in tutto) presenti nell’elenco trasmesso dall’apposito organo di controllo all’Agenzia delle Entrate. Possono esercitare la scelta, già a partire dal 2014, in relazione al periodo d’imposta 2013, non soltanto i contribuenti che presentano il 730 o Unico Pf, ma anche le persone fisiche, che pur essendo titolari di redditi, non sono tenuti alla presentazione della dichiarazione. La procedura assicura, in ogni caso, la tutela della riservatezza delle scelte esercitate.