PRIMO PIANO

DDL stabilità 2017: i requisiti per l’anticipo pensionistico

Nel testo del disegno di legge di stabilità 2017 giunto in Parlamento,  è prevista la sperimentazione  dell "anticipo finanziario a garanzia pensionistica (APE)" a decorrere dal 1° maggio 2017,fino al 31 dicembre 2018 . L’APE è un prestito corrisposto a quote mensili per dodici mensilità ai soggetti che ne faranno richiesta , se in  possesso dei  seguenti requisiti : 

  • Eta minima 63 anni con diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi
  • Anzianità contrbutiva di 20 anni 
  • Iscrizione all’INPS , (comprese forme sostitutive, gestione separata)
  • Pensione  maturata pari a 1,4 volte il minimo + rata ammortamento  Ape richiesta.

La restituzione del prestito avviene a partire dalla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia, con rate di ammortamento mensili per una durata di venti anni. Il prestito è coperto da una polizza assicurativa obbligatoria per il rischio di premorienza.

Per alcune categorie di lavoratori non è prevista la rata mensile di restituzione del prestito, di cui si fa carico lo Stato. Si tratta in particolare di:

  •  lavoratori in disoccupazione involontaria , o 
  • con disabilità pari o superiore al 74% o
  • con familiari di primo grado disabili a carico,

per i quali la contribuzione minima richiesta è di 30 anni; 

Per i lavoratori occupati in attività usuranti per almeno 6 anni continuativi durante la carriera lavorativa, invece, la contribuzione richiesta è di 36 anni. Le categorie che rientrano in questa misura sono  :

  • Operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione
    degli edifici
  •  Conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione
    nelle costruzioni
  • Conciatori di pelli e di pellicce
  • Conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante
  • Conduttori di mezzi pesanti e camion
  •  Personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni
  •  Addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non  autosufficienza
  • Professori di scuola pre-primaria 
  •  Facchini, addetti allo spostamento merci e assimilati
  •  Personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia
  • Operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti

Non possono ottenere l’APE coloro che sono già titolari di un trattamento pensionistico diretto. 

L'anticipo pensionistico minimo che si puo richiedere è di 6 mesi.

Inoltre viene istituito nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze un Fondo di garanzia per l’accesso all’APE, con una dotazione iniziale pari a 70 milioni di euro per l’anno 2017. 

I soggetti interessati dovranno innanzitutto fare richiesta di certificazione del proprio diritto all'INPS e successivamente richiedere contemporaneamente il prestito  per l'anticipo pensionistico e la pensione di vecchiaia  indicando l'istituto finanziatore cui richiedere l’APE, nonché l’impresa assicurativa alla quale richiedere la copertura del rischio di premorienza.

I finanziatori e le imprese assicurative  ed i tassi  di interesse e la misura del premio assicurativo relativa all’assicurazione , saranno definiti in un accordo -quadro tra il Ministro dell’economia e delle finanze e il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, l’Associazione bancaria italiana e l’Associazione nazionale delle imprese assicurative . 

Un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri definirà dunque le modalità specifiche di richiesta  e le caratteristiche  dei finanziamenti entro 60 giorni  dall'entrata in vigore della Legge di stabilità.