Rubrica del lavoro

Controllo del datore di lavoro

La Cass. pen., 12 luglio 2013, n. 30177 ha stabilito che, in tema di controllo del lavoratore, le garanzie procedurali imposte dall’art. 4, comma 2, della L. 300/1970, espressamente richiamato dall’art. 114 del D. Lgs. 196/2003, per l’installazione di impianti e apparecchiature di controllo richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, dai quali derivi la possibilità di verifica a distanza dell’attività dei lavoratori, trovano applicazione ai controlli, c.d. difensivi, diretti ad accertare comportamenti illeciti dei lavoratori, quando, però, tali comportamenti riguardino l’esatto adempimento delle obbligazioni discendenti dal rapporto di lavoro, e non, invece, quando riguardino la tutela di beni estranei al rapporto stesso. Ne consegue che esula dal campo di applicazione della norma il caso in cui il datore abbia posto in essere verifiche dirette ad accertare comportamenti del prestatore illeciti e lesivi del patrimonio e dell’immagine aziendale.